LOADING

Digita per Cercare

#SOCIALCORNER BASILICATA SUD

Sant’Antuono a Oppido Lucano

Chiesa rupestre di Sant'Antuono Oppido Lucano

Il tesoro di Oppido Lucano

La chiesa rupestre di Sant’Antuono è situata a poca distanza dal centro di Oppido Lucano, un comune dell’alta valle del Bradano posto in cima a un’altura dalla quale si gode di un panorama mozzafiato. È una piccola chiesa che custodisce un tesoro d’arte sopravvissuto al tempo e che da poco è possibile goderne grazie ai lavori di recupero e consolidamento. L’ipogeo rupestre è raggiungibile a piedi partendo dal centro della cittadina scendendo una scalinata che poi s’immette su una stradina bianca, oppure senza fatica comodamente in auto.

Una chiesa rupestre con un ciclo pittorico unico in Basilicata. Un tesoro nascosto da vedere assolutamente: la bellezza va vista e poi raccontata perché altri ne godano. Per noi è questo essere viaggiatori. Amore puro per la Lucania. Il racconto qui https://www.charmen.it/santantuono-oppido-lucano/ Un ringraziamento particolare al Sindaco Antonietta Fidanza e tutto il Comune di Oppido Lucano#charmen #basilicata #chiesadisantantuono #oppidolucano #chiesarupestre #mattialorenzetti #GuidoProsperi #instatravel #travel #trip #travelgram #traveller #traveler #traveling #travelling #travelphotography #amazing #beautiful #beauty #cool #italia #italy #cave #cripta #video #vlog #vlogginglife #art #artvideo #ancient

Pubblicato da Charmen – Mattia & Guido su Lunedì 20 luglio 2020

La dimora dei Monaci Antoniani

La parte esterna della chiesa, che poggia sull’iniziale struttura scavata nella pietra, è estremamente semplice ed è di più recente costruzione. La piccola chiesa è appartenuta ai Canonici Regolari di Sant’Antonio di Vienne.

I monaci in questione erano la comunità di religiosi impegnata alla cura dei malati. Si erano specializzati alla cura dell’ergotismo e del fuoco sacro, detto anche di Sant’Antonio. I religiosi ottennero l’approvazione ufficiale nel 1095, diventando il primo ordine ospedaliero medievale. Erano già presenti tra la Francia meridionale e le confinanti zone della Liguria, del Piemonte e dell’attuale Svizzera nel VI secolo, giunti in Europa partendo dal deserto egiziano della Tebaide, dove avevano abbracciato una vita di ascesi ricalcando l’esempio e l’insegnamento di Sant’Antonio abate.

Scarse le notizie storiche

La chiesa rupestre di Oppido Lucano, come dicevamo, è appartenuta ai suddetti monaci, è ancora oggi oggetto di studio in quanto l’esigua documentazione che la menziona non aiuta a comprendere pienamente le reali funzioni delle strutture che stiamo raccontando.

Non si hanno tra l’altro notizie di un ospedale nella precettoria di Oppido. Gli esperti suppongono che doveva esserci una casa dedicata ad accogliere i malati e i viandanti, giustificata proprio dall’ubicazione della Chiesa, isolata, ma vicina ad una delle porte d’ingresso al paese.

La chiesa spoglia, ma affrescata

La chiesa all’interno è totalmente spoglia di tutti gli arredi legati al culto ed ha le mura in pietra a vista.

Superati due archi che dividono la parte costruita da quella scavata nella roccia dove si trova il tesoro: gli affreschi dal tema iconografico unico per quanto riguarda le chiese rupestri in Basilicata. Il tema è tratto dai Vangeli, che include anche alcuni elementi dai Vangeli apocrifi sulla vita di Gesù Cristo.

I temi pittorici

Si parte la nascita di Gesù e la dormitio della Vergine che fa scivolare una stola nelle mani dell’apostolo Tommaso. Si prosegue con La fuga in Egitto, La strage degli innocenti e La presentazione di Gesù Bambino al tempio.

Il racconto pittorico prosegue con Il battesimo di Gesù nel fiume Giordano, L’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, L’ultima cena, Il bacio di Giuda e la cattura di Gesù.

Si passa poi ai temi che vanno dalla condanna alla crocifissione: La flagellazione, La crocifissione, La deposizione di Gesù dalla croce, Gesù adagiato nel sepolcro di Giuseppe d’Arimatea. 

Dalla luce al buio e di nuovo la Luce

La visione del ciclo pittorico è proposta partendo dal totale buio degli ambienti, che dura pochi attimi, giusto il tempo di accendere un fascio di luce, che illumina la prima delle scene degli affreschi.

Guidati dalla voce narrante e dai canti gregoriani che fungono da sottofondo musicale la visione del ciclo pittorico è estremamente piacevole e si riesce ad apprezzare cogliendo il senso di ogni raffigurazione. Per noi questa perla della Lucania è da visitare assolutamente.

Se ti è piaciuto il nostro racconto sulla chiesa rupestre di Sant’Antuono a Oppido Lucano, puoi trovarne altri cliccando qui. Se non vuoi perdere i nostri scatti, seguici su Instagram @charmenoff

Tags:
Articolo Precedente

Ti potrebbe anche piacere...

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *